data: 15.03.2012

Fondo Kyoto: gli interventi finanziabili

600 milioni di euro concessi come finanziamento a tasso agevolato per interventi nel settore dell’efficienza energetica, dell’energia da fonti rinnovabili, della gestione forestale e della ricerca. Il solo solare termico, invece, è destinato a prendere la fetta minore della torta poiché – spiega il Ministero dell’Ambiente – il settore già usufruisce delle detrazioni fiscali del 55%

Le domande
devono essere presentate online a partire dalle ore 12:00 del 16 marzo 2012. L’ultimo giorno utile è fissato per il 14 luglio, tuttavia  è bene sottolineare che per l’accesso al Fondo di  Kyoto non c’è graduatoria, ma funziona secondo la procedura a sportello, ovvero acquista priorità chi prima presenta la domanda.

E’ lungo l’elenco degli interventi finanziabili.

  •     impianti di micro generazione di nuova costruzione e ad elevato rendimento elettrico e termico, con una potenza nominale fino a 50 Kw;
  •     impianti fotovoltaici integrati o parzialmente integrati negli edifici tra 1 e 40 kWp
  •     impianti eolici e idroelettrici tra 1 e 200 kWp
  •     impianti solari termici con superficie d’apertura non superiore a 200 m² (solo per enti pubblici)
  •     impianti termici a biomassa vegetale solida (cippato e pellet) tra 50 e 450 kWt
  •     climatizzazione degli edifici tramite impianti geotermici a bassa entalpia, fino a 1 Mw termico
  •     impianti di cogenerazione fino a 5 MW elettrici alimentati da biomassa vegetale solida, biocombustibili vegetali liquidi, biogas, gas naturale e in co-combustione gas naturale-biomassa (valido solo per gli enti pubblici)
  •     climatizzazione diretta tramite teleriscaldamento da impianti di cogenerazione fino a 500kWe
  •     interventi per il risparmio energetico sull’involucro di edifici esistenti (solo enti pubblici)
  •     sostituzione di motori elettrici industriali con potenza nominale superiore a 90 kW elettrici con motori ad alta efficienza
  •     investimenti relativi al protossido di azoto per i cicli produttivi delle imprese che producono acido adipico e delle imprese agro-forestali;
  •     attività di ricerca precompetitiva per lo sviluppo di tecnologie innovative per produzione, separazione e accumulo di idrogeno, per produzione di energia da fonti rinnovabili, per lo sviluppo di materiali, componenti e configurazioni innovative di celle a combustibile (solo per istituti di ricerca e università)
  •     progetti regionali che presentino le finalità di identificare interventi volti a ridurre il depauperamento dello stock di carbonio nei suoli forestali e nelle foreste.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Aggiungi a Delicious

Inserisci un commento




BIUquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading


Energy Resources S.r.l.
Via Ignazio Silone, 10 - 60035 Jesi (AN)
PI 02286940420 | tel 0731.616811, fax 071.616891, email: info@energyresources.it
Ideazione, progettazione grafica e sviluppo tecnico a cura di:
via Sandro Totti 12/A, 60131 Ancona (AN) Italy, tel 071.2412233