data: 27.10.2011

Cresce il mercato dei veicoli elettrici. Il caso Birò.

 

Le immatricolazioni del quadriciclo Birò, prodotto da Estrima, nel primo semestre 2011 sono cresciute del 39% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Inizia così l’articolo uscito su Borsa Italiana e continua riportando altri dati del mercato elettrico nazionale:

 

  • al 30 giugno 2011 sono stati immatricolati 798 veicoli elettrici: 482 appartenenti alla categoria ciclomotori elettrici, 194 motoveicoli elettrici e 122 tra autovetture e fuoristrada elettrici
  • dei 482 ciclomotori elettrici, 110 unità sono Birò. Il secondo player della stessa categoria ne ha messi su strada solo 51
  • per i motoveicoli elettrici sono 29 le immatricolazioni dell’azienda che conduce la classifica della categoria
  • il mercato delle autovetture e fuoristrada elettrici vede il suo leader sotto i 50 pezzi immatricolati
  • Birò è il veicolo elettrico più immatricolato in valore assoluto tra tutte le 3 categorie dell’elettrico in Italia, con il 14% di quota dell’immatricolato elettrico


Abbiamo colto l’occasione per parlare con Alessandro Giuricin, Amministratore Delegato Energy Resources Green Mobility srl.

Un’opinione sui dati relativi al Biro’?
“Interessanti, soprattutto se consideriamo lo stato attuale del mercato. L’Italia è uno dei pochi Paesi europei dove non esistono incentivi all’acquisto di veicoli elettrici e molte case automobilistiche che hanno investito in questo settore non riescono a entrare nel nostro mercato. Quindi leggere che un’azienda e un prodotto 100% Made in Italy stanno riscuotendo così tanto successo, per me è un forte segnale di cambiamento.”

Il mercato italiano come cambierà?
“Difficile fare previsioni precise. I fattori che concorrono alla buon esito di questo progetto sono davvero tanti: infrastrutture capillari, incentivi all’acquisto e prodotti accessibili. Molte pubbliche amministrazioni hanno già realizzato progetti importanti su questo fronte, ma a mio parere manca ancora un obiettivo nazionale. Grandi cambiamenti potrebbero arrivare  a partire dal 2012, quando probabilmente arriveranno gli incentivi all’acquisto. E’ certo che c’è molto interesse da parte di imprese e cittadini. Lo dimostrano gli eventi organizzati in piazza, ce ne sono quasi uno a settimana, e le centinai di richieste di maggiori informazioni e test drive che riceviamo ogni giorno. Inoltre, per raggiungere gli obiettivi comunitari e rispettare i parametri del Protocollo di Kyoto credo che investire nei veicoli elettrici sia fondamentale.”

Quali e quanti operatori operano nel mercato dei veicoli elettrici?
“Ogni giorno, nuove aziende si affacciano a questo mercato.  Parlo soprattutto di negozi o catene che decidono di ampliare la propria offerta e quindi propongono mezzi ecosostenibili, soprattutto biciclette e scooter. Abbiamo letto questo segnale come una grande opportunità: ci permette di avere dei punti di riferimento in molte città d’Italia e di ampliare la nostra rete commerciale. La bicicletta a pedalata assistita sta riscuotendo molto successo, e una parte del merito va anche ai nostri distributori.”

Parliamo di consumatori: chi approccia a questo mercato?
“Uomini, donne e ragazzi. Il successo del Birò, ad esempio, credo che risieda proprio nella capacità di rispondere a esigenze diverse provenienti da persone diverse. Questo mezzo è perfetto per chi vive in città, dove il problema del traffico e la difficoltà di trovare parcheggio sono più sentiti, ma anche per le strutture ricettive o i centri sportivi più attrezzati. In un mercato così giovane, c’è molto spazio per le novità. Ad esempio, Energy Resources Green Mobility sta lavorando molto con il kit mobilità: il sistema integrato di colonnina di ricarica, pensilina fotovoltaico e mezzo elettrico. Una soluzione sempre più apprezzata dalle aziende e dalle pubbliche amministrazioni sensibili al tema dello sviluppo sostenibile. Famiglie e cittadini, come dicevo prima, chiedono sempre più le due ruote elettriche che stanno tornando molto di moda. Credo che quello che questo rispecchi perfettamente i dati del mercato illustrati nell’articolo di Borsa Italiana”

Noi ringraziamo Alessandro per la disponibilità :)


Se vuoi chiarimenti o maggiori informazioni, lascia un commento qua sotto!

scarica l'articolo di Borsa Italiana

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Aggiungi a Delicious

Inserisci un commento




BIUquote
  • Commento
  • Anteprima
Loading


Energy Resources S.r.l.
Via Ignazio Silone, 10 - 60035 Jesi (AN)
PI 02286940420 | tel 0731.616811, fax 071.616891, email: info@energyresources.it
Ideazione, progettazione grafica e sviluppo tecnico a cura di:
via Sandro Totti 12/A, 60131 Ancona (AN) Italy, tel 071.2412233